a
Sorry, no posts matched your criteria.
 • economia e finanza  • Ebury: Le valute del G10 scambiano in range ristretti mentre continua il rally dei mercati emergenti
Unione Europea reddito cittadinanza

Ebury: Le valute del G10 scambiano in range ristretti mentre continua il rally dei mercati emergenti

Mentre l’euro, il dollaro e la sterlina non si muovono molto l’uno contro l’altro, le valute dei mercati emergenti sono state ancora una volta protagoniste la scorsa settimana. Le valute dell’America Latina, in particolare, hanno continuato a registrare una performance brillante nel 2023, sostenute dal ritorno della propensione al rischio sui mercati finanziari, che sta favorendo gli asset rischiosi in generale. La notizia del fine settimana secondo cui l’Arabia Saudita avrebbe diminuito la produzione di petrolio dovrebbe rafforzare il trend positivo dei prezzi delle materie prime e fornire ulteriore sostegno alle valute legate ad esse. Le peggiori performance della settimana sono state quelle del franco svizzero, a causa della diminuzione della propensione all’acquisto di valute rifugio, e della lira turca, che sta scendendo vertiginosamente in risposta al trionfo elettorale di Erdogan e al venir meno delle prospettive di un ritorno alla stabilità finanziaria.

Questa settimana sarà insolitamente tranquilla, con poche notizie macroeconomiche o di politica monetaria in grado di muovere i mercati nelle principali aree economiche. Una serie di dichiarazioni di funzionari delle banche centrali fornirà qualche spunto per i trader. I più importanti saranno quelli del Presidente della BCE Lagarde e del membro votante del FOMC Mester.

EUR

I dati preliminari sull’inflazione di maggio nell’Eurozona contengono la prima buona notizia significativa su questo fronte da molti mesi a questa parte. Sia il dato principale che il sottoindice core sono scesi molto più del previsto. Il numero chiave core è sceso dal 5,6% al 5,3% sull’anno, il primo calo significativo dai massimi storici. Con i tassi al 3,25%, molto al di sotto del core, la BCE ha ancora molto lavoro da svolgere e i livelli di inflazione nell’eurozona rimangono inaccettabilmente alti, ma sembra che ci sia almeno una luce alla fine del tunnel. L’euro si è scrollata di dosso l’uscita del dato e il conseguente calo delle aspettative sui tassi della BCE, segno che la moneta comune potrebbe essere vicina a una sorta di fondo.

USD

Il rapporto sulle buste paga di maggio negli Stati Uniti è stato importante sotto tutti i punti di vista. La creazione di posti di lavoro continua ad essere consistente e gli Stati Uniti rimangono in piena occupazione. Questa forza sta facendo affluire i lavoratori nel mondo del lavoro e gli aumenti salariali sembrano moderarsi lentamente. Questo rapporto riduce la pressione sulla Fed per un nuovo rialzo nella riunione di giugno, anche se un cattivo dato sull’inflazione la prossima settimana sconvolgerebbe di nuovo tutte le aspettative. Tuttavia, le aspettative di tagli continuano a ridursi e a spostarsi verso in avanti. Nel complesso, la Fed sembra essere più vicina al raggiungimento dell’ “atterraggio morbido” di quanto non sembrasse solo qualche settimana fa.

GBP

La brutta sorpresa dell’indice dei prezzi al consumo di due settimane fa continua a sostenere la sterlina, mentre crescono le aspettative di rialzo dei tassi della Banca d’Inghilterra. Questa tendenza è particolarmente forte nei confronti dell’euro e la scorsa settimana la sterlina ha toccato i massimi di un anno rispetto alla moneta comune. Con poche notizie di mercato o discorsi dei banchieri centrali in programma questa settimana, la sterlina dovrebbe essere influenzata da altre notizie.

POST A COMMENT